fbpx

La medicina estetica non invasiva: guida al dispositivo (1°p)

La medicina estetica non invasiva: guida al dispositivo (1°p)

Molti pazienti preferiscono oggi i trattamenti di medicina estetica non invasivi poiché non necessitano dell’anestesia e di ricovero. Inoltre, quando si fa uso di tecnologie elettromedicali o dispositivi medici mininvasivi, i tempi di recupero sono nulli o persino ridotti al minimo. Infine i costi sono molto più bassi di quelli che devono essere sostenuti per un intervento di chirurgia estetica.

Ma chiariamo bene cosa comprende la medicina estetica non invasiva.

La medicina estetica non invasiva è quelle nuova branca della Medicina Estetica che comprende tutte quelle cure e tutti i trattamenti medici che vengono eseguiti in modo non chirurgico, ovvero in maniera non invasiva, attraverso dispositivi medici appositamente progettati per curare un determinato inestetismo.

Ecco alcuni dei dispositivi che si sono affermarti in questo settore.

  1. Radiofrequenza. I dispositivi di radiofrequenza hanno fatto ingresso in modo importante nel settore della medicina estetica come tecnica di ringiovanimento cutaneo non invasivo e adatto all’ attenuazione di rughe, cellulite, lassità cutanea, ringiovanimento viso.
  2.  Crioterapia e Shok Termico Oltre al campo prettamente riabilitativo, sportivo, ortopedico, vascolare, la crioterapia e lo shock-termico, hanno trovato negli ultimi anni, grazie alle evidenze derivanti dagli studi di alcuni studiosi universitari statunitensi, applicazione anche nella medicina (fisio)-estetica, ove la crioterapia, portando a necrosi le cellule di grasso, può consentire una riduzione significativa dell’eccesso di grasso corporeo. La Cryothermolipolisi è una procedura non invasiva, indolore che prevede il raffeddamento controllato delle cellule di grasso per innescare il processo di lipolisi.
  3. Shok Termico Freddo-Caldo Con Shock termico si intende anche la combinazione controllata di VASODILATAZIONE e VASOCOSTRIZIONE indotte selettivamente nei tessuti attraverso lo shock caldo-freddo, che consente di sfruttare al meglio gli effetti delle variazioni termiche imposte localmente. Lo shock-termico è efficace nelle prime fasi della riabilitazione per la rapida risoluzione del dolore, la riduzione del gonfiore, per il miglioramento della mobilità articolare e per l’inserimento nelle fasi riabilitative successive. Questo trattamento ha riscontrato anche ottimi risultati in medicina estetica: cellulite, rassodamento braccia e glutei, rassodamenti cutanei, aging del viso.
  4. Luce Pulsata o IPL. La tecnologia IPL (Intense Pulsed Light) o semplicemente Luce Pulsata è un sistema che consente, in modo non invasivo, di trattare esteticamente un’ampia gamma di inestetismi cutanei, come lesioni vascolari o pigmentate, macchie solari, iperpigmentazioni, couperose, rosacea, teleangectasie, acne. Consente, inoltre, di effettuare trattamenti di fotoringiovanimento cutaneo non ablativo ed epilazione progressivamente definitiva.

 

Consigliamo sempre di spiegare al paziente che la medicina estetica non invasiva cura l’inestetismo con buoni risultati , rigenera i tessuti e rallenta il processo di invecchiamento. Per ottenere questi risultati sono necessarie un certo numero di sedute (da 4 a 10) , per mantenerle è molto importante condurre uno stile di vita sano.

2019-09-18T15:46:15+00:00