fbpx

Blefarite e la cura del futuro

Blefarite e la cura del futuro

La blefarite è una malattia infiammatoria che colpisce i bordi delle palpebre. Le cause della malattia possono essere molteplici. Può essere connessa con un’ostruzione ai canali delle ghiandole lacrimali, in cui si verifica infiammazione cronica. Alcune cause comuni della blefarite sono anche l’ alterazione della pellicola lacrimale, la mancanza di liquido lacrimale, allergie, ferite o danni causati da agenti chimici acidi o alcalini.

Sensazioni sgradevoli agli occhi.

I pazienti che presentano blefarite lamentano bruciore penetrante agli occhi,  a volte rossore, e una sensazione di corpo estraneo negli occhi durante i movimenti oculari. Di solito ne sono colpiti entrambi gli occhi.

La cura fino ad ora….

Il trattamento della blefarite è diretto principalmente alla rimozione della causa che conduce a questa malattia. Spesso si tratta di una malattia cronica. La terapia principale consiste nella pulizia dei bordi delle palpebre con bastoncini di cotone,  acqua sterile, shampoo per bambini diluito o con prodotti specifici per la pulizia dei bordi delle palpebre. Nei casi di occhio asciutto, vengono prescritte lacrime artificiali, preferibilmente senza conservanti. Ma oggi  La tecnologia è venuta in aiuto per eliminare in tempi brevi e senza ulteriori fastidi questo problema. 

La cura del futuro

Alle   varie   metodiche   terapeutiche   per  curarlo,   si   è  aggiunta recentemente una procedura basata sull’utilizzo  della luce  pulsata IPLRF Ebmedical,  una tecnologia già nota e  utilizzata   in   ambiti   differenti   da   quello   oftalmologia,   come,  ad  esempio  quello dermatologico. La luce pulsata è costituita da  un  accumulatore   energetico  collegato ad una speciale  lampada allo  xeno  con  un’apposita  ottica,  in  grado  di  generare  un  fascio  di  luce  molto  intenso  che  illumina  la   zona  da   trattare.  L’erogazione  della  luce  non è continua  ma avviene  attraverso  brevissimi  impulsi  di  intensità   variabile misurata in J/cm2.

Uno specifico  filtro  ottico,  intercambiabile,  previene ogni possibile danneggiamento della  pelle da  parte di raggi UV e determina la profondità  di  penetrazione  nella  cute,  la   luce  viene  applicata  ai  tessuti  e assorbita  dai  mitocondri,   i  mitocondri  aumentano  la  sintesi  proteica   e  la proliferazione   cellulare,   viene   così   accelerata   la   riparazione   tessutale.  Aumenta la sintesi dell’ATP e  viene  migliorata  la  regolazione mitocondriale.

Cerca L ‘oculista più vicino a te che utilizza questa tecnologia

2018-02-05T09:41:14+00:00